Cosa abbiamo imparato

I mercati finanziari sono imprevedibili: le convinzioni o le intuizioni non forniscono oggettive anticipazioni di eventi futuri e non si traducono in capacità di premonizione.

E’ importante quindi evitare di ritenere universale la propria prospettiva e di pensare al mercato finanziario come ad un sistema coerente.

Fenomeni inattesi sembrano essere prevedibili in retrospettiva: la percezione di prevedibilità degli eventi è più marcata quando si genera un consenso diffuso fra gli operatori di mercato.

Ad una forte convinzione nelle proprie capacità previsionali corrisponde sovente una marcata differenza fra quello che le persone hanno davvero capito e quello che credono di aver capito.

Ci ripromettiamo di

Rispettare il perimetro di competenza

È fondamentale lavorare all’interno dei rispettivi perimetri, minimizzando l’esposizione ad ogni investimento che superi la nostra reale capacità di comprensione.

Proteggere dalle perdite

La priorità della nostra clientela è la protezione del patrimonio preservando il potere di acquisto.

Minimizzare l’emotività

Nella gestione del quotidiano siamo spesso vittime dell’irrazionalità: quando privati di un’opportunità, essa assume una connotazione interessante ed indispensabile. La perdita di lucidità nelle scelte è una reazione tipica dovuta alla mancanza di disponibilità di un bene o di una scelta. E’ importante quindi limitare la naturale tendenza ad assumere comportamenti induttivi.

EnglishEspañol